NEWS: "La risposta del sindaco Poli al comunicato della minoranza non si fa attendere"..... Prenota anche tu l'adesivo di Radio Margherita Gorfigliano ..... NEWS: "La minoranza del Comune di Minucciano esprime la propria soddisfazione"..... RADIO MARGHERITA da oggi in diretta sul nostro giornale, ascoltarla è un piacere perché è la "radio senza fronzoli"..... NEWS: Opposizione:"CAOS NEL COMUNE DI MINUCCIANO: FARNETICAZIONI DEL SINDACO"..... NEWS: "Il Sindaco Poli descrive la situazione attuale e si sfoga"..... NEWS: "Neve: caos nel comune di Minucciano"..... NEWS: "Nasce Telepisanino"..... SPORT: "Il record ancora imbattuto di Domenico Berti".....

"La zuppa della Nonna" e "La zuppa di Anna"


E' venerdì e come ogni venerdì va in scena "Le ricette di Anna". Questa settimana, la nostra cuoca, ci insegna come fare la zuppa, addirittura in due modi. Lo anticipiamo, faremo gli straordinari andando in "stampa", domani, con "un'edizione speciale" di questa rubrica perché dopo la zuppa ci vuole.....


LA ZUPPA DELLA NONNA

 La zuppa è un piatto invernale,  che veniva preparato quando le foglie dei cavoli neri avevano "sentito" il primo freddo . Così mi aveva insegnato la mia nonna "Ersi "; fu lei ad insegnarmi questo piatto e molti altri tipici della nostra tradizione.

*Ingredienti: 

fagioli borlotti secchi,

cavolo nero, 

patate, 

lardo,

olio ,

aglio, 

salvia,

conserva (concentrato di pomodoro).


*Preparazione 

La sera prima mettere i fagioli borlotti in bagno con acqua fredda.

La mattina scolare i fagioli, metterli nella pentola (una volta era il paiolo), coprire con acqua fredda e aggiungere aglio, salvia, sale; cuocere finché i fagioli risultino ben cotti.

Nel frattempo pulire e lavare le foglie del cavolo ,tagliarlo, sbucciare le patate , lasciandone qualcuna intera, mentre le altre tagliarle a pezzetti .

Passare i fagioli con la loro acqua, aggiungere il cavolo nero ,le patate, acqua, sale, portare a ebollizione.

Preparare il soffritto tritando il lardo con aglio. 

(Mia nonna si metteva in ginocchio davanti al focolare, sistemava il lardo sopra a un tagliere di legno, aggiungeva l'aglio e scaldava la lama del coltello sulla brace ,tritando tutto finemente . Metteva un po' di olio e il trito, preparato in precedenza, dentro alla padella di ferro, l'attaccava alla catena sopra il fuoco e faceva soffriggere lentamente . Quando tutto aveva preso un colore giallo chiaro ,aggiungeva un po' di "conserva", lasciava cuocere  ancora qualche minuto e versava il soffritto dentro il paiolo, copriva con il coperchio e lasciava a cottura per qualche ora) .

Mettere un po' di olio nella padella , soffriggere lentamente, aggiungere un po' di "conserva", lasciare ancora qualche minuto, versare il soffritto nella pentola, coprire e lasciare cuocere per 2 o 3 ore.

Schiacciare le patate intere, continuare un po' la cottura.

Nel frattempo tostare il pane scuro, sfregarlo con l' aglio .

Mettere il pane nella zuppiera versare sopra la zuppa

Lasciare riposare, servire e....buon appetito!


LA ZUPPA DI ANNA

Io faccio la zuppa con gli ingredienti di  una volta ,ma aggiungo diverse verdure:

Zucchine,

carote , 

sedano,

porro,

cavolo verza,

 fagioli interi.

Il procedimento è lo stesso della nonna, ma con l'aggiunta di queste verdure è ancora più buona.

Sembra una ricetta complessa ma  non è così . Richiede un po' di tempo ,ma vi assicuro che ne vale la pena ....provate !

Anna Paladini