NEWS: "La risposta del sindaco Poli al comunicato della minoranza non si fa attendere"..... Prenota anche tu l'adesivo di Radio Margherita Gorfigliano ..... NEWS: "La minoranza del Comune di Minucciano esprime la propria soddisfazione"..... RADIO MARGHERITA da oggi in diretta sul nostro giornale, ascoltarla è un piacere perché è la "radio senza fronzoli"..... NEWS: Opposizione:"CAOS NEL COMUNE DI MINUCCIANO: FARNETICAZIONI DEL SINDACO"..... NEWS: "Il Sindaco Poli descrive la situazione attuale e si sfoga"..... NEWS: "Neve: caos nel comune di Minucciano"..... NEWS: "Nasce Telepisanino"..... SPORT: "Il record ancora imbattuto di Domenico Berti".....

Pronuncia e piccole regole

 Gli accenti "GRAVE" ed "ACUTO" su "O" ed "E" saranno segnati anche all'interno delle parole per una esatta pronuncia dialettale. Valgono gli esempi in italiano:

-   Cioè - Presènte - Accidènte - Ardènte - Gènte - Prudènte.

-   Perché - Spénto - Fémmina - Anténna - Céna - Réna.

-   Decòro - Ignòro - Bòccia - Ròccia - Òcchio - Pinòcchio.

-   Lavóro - Autóre - Sapóre - Timóre - Terróre - Valóre.

Per comprendere meglio il valore degli accenti, ecco alcuni brevi esempi:


MILANESE - Non abbiamo domande da pórci (sic!) - Perché - Pelliccétta - Scarpétta - Armadiétto - etc.

                        PER CONTRO: -Tremèndo - Merènda - Prèndo - Stèndo.


SARDI che aprono e chiudono "O" ed "E" a piacere:

                       Ócchio - Bóccio - Róccia - Capóccia

                       e - Attendénte - Accidénti - Presénti etc.


Quanto sopra senza alcuna offesa né ironia per Sardi e Milanesi: ho vissuto tre quarti della mia vita nelle loro terre.

Le parole che finiscono in "... ONE" cambiano al MASCHILE in "... òun" e al FEMMINILE in "...òuna".

Es.:         BUFFONE / Buffòun - PADRONE / Padròun - LADRONE / Ladròun

               LEZIONE / L'ziòuna - CANZONE / Canzòuna - Corona / Coròuna.


Le parole che iniziano con le vocali "I" ed "E" e sono immediatamente seguite dalle consonanti "M" ed "N" perdono dette vocali.

Es.:         IMMEDIATO / 'mm'diato - IMPEGNO / 'mpéigno - IMPARA / 'mpara.

               ENTRATO / 'ntrato - INSIEME / 'nséma - INSICURO / 'nsiguro.

La pronuncia è una "M" tipo...mm... dubbiosa, esitante, quasi a labbra strette.


Quella della "N" è nasale quasi come..............'NTRANÉUSE.

-   IMPRUDENTE / 'mprudènto - IMBUTO / 'mbuto - IMPROVVISO / 'mpruvviso  

    IMPRESA / 'mpreisa 

-   INDECISO / 'nd'ciso - INVENZIONE / 'nv'nziouna 

-   ENTRATA / 'ntrata

Questi esempi spiegano la perdita delle vocali e la pronuncia.


Tutte le parole che finiscono con la "E" diventano "O" al maschile ed "A" al femminile.

M:le - PRUDENTE / Prudènto - PRESENTE / Presènto - ASSENTE / Assènto

F.le -   PRUDENTE / Prudènta - PRESENTE / Presènta - ASSENTE / Assènta 


Molte parole che finiscono in ".....Ménte", diventano "Mèinta" con la "è" aperta come in "Sfèra".

Es.   ANTICAMENTE / Anticamèinta - CERTAMENTE / C'rtamèinta


Le parole che finiscono in ELLA - ELLO - ILLO - GLIO - GLIA - ALLO - ALLI si pronunciano in modo che non ha riscontri con lingue o altri dialetti e pertanto si è reso necessario codificarlo in "GH' ". Cercherò di chiarire per chi non può sentirlo da viva voce:

             -   Mettere la lingua nella parte superiore dei denti ed atteggiare le labbra come una "O" stretta.                   Buona fortuna.

Le parole al plurale che terminano in ELLI - GLI - OLI - ALLI - ILLI sono codificate in "GGH' ". Unire i denti e pronunciare.

1° PRONUNCIA:

CAVALLO  /  Cauagh'o   -   GALLO  /  Gagh'o   -   GRILLO  /  Grigh'o   -   AGLIO  /  Agh'o   -

AGLIO  /  Agh'o   -   VOGLIA  /  Vògh'a   - FORNELLO  /  Fornègh'o


2° PRONUNCIA:

FRATELLI  /  Fratèggh'i   -   TIGLI  /  Tiggh'i   -   GRILLI  /  Griggh'i   -   FIGLIOLI  /  Figgh'oli   -

CAVALLI  /  Cauaggh'i


"IO" si pronuncia "I' " con l'eliminazione della "O" ed in molti casi raddoppiando:

IO SONO / I' i son - IO SONO ANDATO / I' son 'ndato (vedi coniugazione dei verbi).


Le parole che finiscono in ".....OSO" si trasformano in ".....òuso".

Es. BISOGNOSO / B'sognòuso - PERICOLOSO / P'ricolòuso - Roso / Ròuso


Le lettere "E" ed "I" quasi scompaiono quando si trovano all'inizio di una parola subito dopo la consonante. Nello scrivere si sostituisce con il segno dell'apostrofo "  '  ".

Es. BISOGNOSO / B'sognòuso - BISACCIA / B'saccia - PERCHE' / P'rché - REGALO / R'galo -

REMOTO / R'moto - RECINTO / R'cinto.


In diverse occasioni la "E" si trasforma in "El" all'inizio e nel corpo della parola.

Es.     NERA / Nèira - SERA / Sèira - VELA / Vèila - CERA / Cèira - CANDELA / Candèila -

          BUONASERA / Bonasèira - VERA / Vèira


Molte parole che finiscono in "E" trasformano la "E" in "O".

Es.     PRETE / Préto - VEDETE / V'dèito - SAPETE / Sapèito - ABETE / Abèito - FINITE / F'nito -

          CERCATE / C'rcato - AVETE / Aùto


Le parole che finiscono in ".....ETE" fanno "EITO", "EITA", "IATO".

Le parole che finiscono in ".....ATE" fanno "ATO", "UATO".

Es.      PARETE / Parèita - SETE / Sèita - PRENDETE / Piggh'iato - VEDETE / V'dèito -

           SIETE / Sèito - ABETE / Abèito

Es. ANDATE / 'ndato - PIGIATE / Pigiato - FATE / Fato - CAVATE / Cauato.


Nel corpo della parola ".....VA" si trasforma in ".....UA"

Es. Lavato / Lauato - Scavato / Scauato - SCOVATO / Scouato 


Il "TE" in sostituzione del "TU" non esiste.

"A TE" ed "A ME" si trasformano in "A Tèj" ed in "A Mèj". 


Il "ME" e "Mi" per indicare sé stessi come in altri dialetti non esiste.

Ci si identifica con "I' " senza la "O" a  volte raddoppiando:

Es.  IO SONO / I' són oppure I' i són - IO NON C'ERO / I' no cèro - 

       IO SONO ANDATO / I' i són 'ndato


Il "NON" diventa "Nó":  NON IMPORTA / Nó importa - NON C'E' / Nó c'è - 

                                         NON VA BENE / Nó va bén - NON VENGO / Nó vègno.


Il "NO" diventa anche "Nòa"  / E' così? Nòa - Va bene? Nòa - Vieni? Nòa.


Le parole che finiscono in ".....Ogno" e "Ogna" cambiano in "Ougno" e "Ougna".

Es.     CICOGNA / Ciòugna - Rogna / Ròugna - FOGNA / Fòugna - BISOGNO / B'sòugno


La lettera "O" spesso si cambia in "OU".

Es.     MONDO / Mòundo - TONDO / Tòundo - FONDO / Fòundo.


L'articolo "IL" al singolare perde la "L" e rimane la "I".

Es.      IL CANE / I' can - IL PANE / I' pan - IL VINO / I' vin.


Strano è il funzionamento del singolare e plurale femminile. Al singolare viene tolta la "A".

Es.      LA CAPRA / L' capra - LA PECORA / L' pécora - LA ROSA 7 L' rósa.


Al plurale ritorna la "A" ma non cambia in plurale l'ultima vocale.

Es.       LE CAPRE / La capra - LE CHIESE / La chiésa - LE CICALE / La cicala - 

            LE BAMBINE / La bambina - LE MAMME / La mamma

Esempi del plurale e singolare femminile:

LA MIA PECORA C'E'  /  L' mia pécora c'è  -  LA MIA BAMBINA C'E'  /  L' mia bimbina c'è: singolare art. senza "A".

LE MIE PECORE CI SONO  /  La mia pécora c'enno  -  LE MIE BAMBINE CI SONO  /  La mia bimbina c'enno: plurale art. con la "A".


Si evidenzia anche, come detto, che la finale "A" non si trasforma in "E" , come sarebbe logico:

             LA CICALA / L' cicala (singolare) - LE CICALE / La cicala (plurale).


L'articolo "IL" al singolare e plurale perde la "L":

ES:       IL CANE / I can - IL CAVALLO / I caugh'o


Ma segue la regola e varia l'ultima vocale al plurale:

Es.        I CANI / I Cani - I CAVALLI / I Cauaggh'i


L'articolo "LO" si trasforma in "L" : LO VUOLE / 'l vólo

L'articolo "LO" si trasforma in "GH' ": LO SCHIAFFO / Gh' schiaffo

L'articolo "GLI" si trasforma in "GH' ": GLI STUPIDI / Gh' stupidi

L'articolo "NEL" si trasforma in "NTL' ": NEL MEZZO / Ntl' mèzzo

L'articolo "NEI" si trasforma in "  'NTI ": NEI LUOGHI / 'Nti lóchi

L'articolo "IN" si trasforma in " 'N ": IN CASA / 'N casa - IN MANO / 'N mana