NEWS: "La risposta del sindaco Poli al comunicato della minoranza non si fa attendere"..... Prenota anche tu l'adesivo di Radio Margherita Gorfigliano ..... NEWS: "La minoranza del Comune di Minucciano esprime la propria soddisfazione"..... RADIO MARGHERITA da oggi in diretta sul nostro giornale, ascoltarla è un piacere perché è la "radio senza fronzoli"..... NEWS: Opposizione:"CAOS NEL COMUNE DI MINUCCIANO: FARNETICAZIONI DEL SINDACO"..... NEWS: "Il Sindaco Poli descrive la situazione attuale e si sfoga"..... NEWS: "Neve: caos nel comune di Minucciano"..... NEWS: "Nasce Telepisanino"..... SPORT: "Il record ancora imbattuto di Domenico Berti".....

La minoranza del Comune di Minucciano esprime la propria soddisfazione

La lista di minoranza "Minucciano per Tutti e il Territorio" pubblica, sulla propria pagina Facebook, questa nota:


PIEVE SAN LORENZO AREA ELISOCCORSO: LA PETIZIONE POPOLARE SOSTENUTA DALLA MINORANZA HA OTTENUTO PIENA SODDISFAZIONE

Finalmente è stata pronunciata la parola fine all’annosa vicenda riguardante l'area di atterraggio elisoccorso di Pieve S. Lorenzo, che ha visto coinvolti i cittadini e l’amministrazione comunale di Minucciano.

Tutto ebbe inizio nel 2019 quando l’amministrazione comunale decise di realizzare nell’area fluviale di Pieve S. Lorenzo, all’ora occupata dal campo sportivo, un parco con area attrezzata, ponendo, inoltre, sotto il rischio di “allagamento” ben 900mila euro di cui in parte a carico degli stessi cittadini.

Nell’attuare il progetto, il sindaco, pare si sia dimenticato che l’area stessa era a suo tempo stata destinata, su proposta della stessa amministrazione comunale da lui capeggiata, in un piano di emergenza ferroviaria a beneficio della galleria Lupacino lunga ben 7,5 km il cui imbocco nord si trova appunto a Pieve S. Lorenzo.

Ad onor del vero l’area non ha mai funzionato; mal segnalata e più delle volte anche inagibile. Forse proprio dimenticanza?

A ricordare, all’amministrazione comunale, l’importanza di un’area elisoccorso, piuttosto che un’area ludico/ricreativa (non dimentichiamo che siamo all’estremo sud della lunigiana, immersi nel verde e nella natura oltre che nelle bellezze architettoniche e storiche e non in una grande metropoli) ci ha pensato un gruppo di cittadini firmatari di una petizione popolare presentata in Municipio il 7 settembre 2019.

La petizione popolare oltre che al sindaco del comune di Minucciano era indirizzata ad altri vari enti tra cui: la Prefettura di Lucca, promotrice del piano di emergenza e Rete Ferroviaria Italiana, beneficiaria del piano di emergenza stesso.

I firmatari della petizione, nel lungo percorso, durato quasi due anni nei quali mai hanno avuto da parte dell’amministrazione comunale la pur minima parvenza di approvazione, hanno ricevuto sempre l'appoggio propositivo e costruttivo del Gruppo consiliare di minoranza.

Oggi finalmente a seguito della riunione del 25/02/2021, ove erano presenti R.F.I., Comune di Minucciano, Prefettura di Lucca oltre che ai rappresentanti del 118, è stata individuata un’area provvisoria, in sostituzione di quella dismessa nell’area campo sportivo, in attesa della realizzazione di una definitiva, a poca distanza da quella provvisoria, attrezzata con tutti gli elementi caratterizzanti la specificità del luogo.

Come dice un vecchio detto: chi la dura la vince. In questo caso è una vittoria ancor più meritata, perché si chiedeva solo un qualcosa che sarebbe stato semplicemente “dovuto”.

I cittadini di Pieve San Lorenzo, firmatari della petizione, ringraziano RFI, Prefettura di Lucca e Dirigenti del 118, che sono venuti incontro ad una vitale esigenza della popolazione.

Un ringraziamento particolare la comunità di Minucciano lo rivolge al Gruppo consiliare di minoranza che ha sostenuto, fin dall'inizio, con ferma convinzione la, più che legittima, petizione popolare promossa dai cittadini della Pieve per assicurare, in un prossimo futuro, livelli di assistenza e soccorso più efficienti e efficaci all'intera area dell'alta Garfagnanana sempre più depressa, abbandonata e penalizzata in tutte le sue espressioni sociali.

Purtroppo, come minoranza, si è ripetutamente costretti a lottare per far riconoscere anche aspetti così semplicemente ovvi e scontati, assolutamente e facilmente riconoscibili nel quadro del comune buon senso. Tutto ciò perché l'attuale governo comunale nella gestione della cosa pubblica continua a proporsi e a manifestarsi secondo scelte e soluzioni ideologicamente preconfezionate che raramente riescono a centrare il reale interesse generale della collettività, generando forme di sperequazione distributiva tra le varie categorie del tessuto sociale, aggiungendo disagio e malcontento ai livelli già diffusamente presenti. Noi comunque continuiamo a ricordare che "errare humanum est, perseverare autem diabolicum", nella recondita speranza che, prima o poi, qualcuno riesca a ravvedersi!